Archive for the 'Politica' Category

Pensiero stupendo

IMG_7739

La situazione della politica e della società italiana è talmente disastrata – non c’è bisogno di portare esempi, no? – che in uno di quei momenti in cui uno pensa “qui bisogna fare qualcosa” mi è venuto in mente che potrei iscrivermi al PD. Alcuni amici, l’altra sera, ci hanno riso sopra  e, come dire, me l’hanno sconsigliato: una dalla ferma posizione che a votare non ci va più, manco se la pagano; un altro dicendo che ormai tutto sta andando irrimediabilmente verso lo sfacelo ed è meglio dedicarsi ad altro, ad esempio a giocare a scacchi. Mah, adesso ci rifletto su. Qualcuno ha qualche suggerimento da dare in proposito?

P.S. La foto l’ho scattata un paio di settimane fa a L’Aquila. Emblema di un partito terremotato?

Controtendenza

Sono tempi in cui sembra che si pensi solo a dividersi, i più forti dai più deboli, i nord dai sud, la contrada A dalla contrada B, i bianchi dai neri. Tempi in cui si sono creati e si vuole continuare a creare partiti per difendere interessi localistici infischiandosene dell’ormai obsoleto interesse generale. Tempi in cui lo sforzo di creare istanze sovranazionali in difesa dei diritti e della pace sono messi continuamente in discussione da protagonismi belligeranti. Tempi di muri e di respingimenti, di federalismi egoisti e beghe di basso profilo. E di questi tempi arriva un segnale in controtendenza dalla penisola iberica. Secondo un’inchiesta del Centro di Analisi Sociali dell’Università di Salamanca, il 40% dei portoghesi e il 30% degli spagnoli appoggerebbe la creazione di un’unione politica tra i due paesi. Tra i sostenitori dell’unione iberica c’è anche il premio Nobel José Saramago. E’ un piccolo segnale, che fa sopportare meglio anche il caldo di fine luglio.

Aboliamo il G8

Oggi mi va di fare il disfattista-qualunquista-catastrofista. Ma qualcuno mi sa spiegare esattamente a cosa serve il G8? Si riuniscono 8 “grandi” che rappresentano sempre meno: ormai solo un decimo della popolazione e il 43% dell’economia mondiale. Ma che fanno in questi mega vertici? Ricordate qualche decisione fondamentale per il destino del pianeta  (che magari non sia stata disattesa) presa in uno degli ultimi G8? Io, che sarò certamente un osservatore disattento, ricordo solamente le litanie di buone intenzioni di voler aiutare l’Africa, di voler agganciarla al treno della globalizzazione (ma siamo sicuri che gli africani vogliono agganciarsi a questo treno?), di stabilire mete per aumentare gli aiuti in percentuale del Pil da raggiungere entro tot anni. Dopo qualche anno è facile trovare degli alibi per dire che purtroppo la crisi, la congiuntura, i terremoti, le alluvioni etc. non hanno permesso di rispettare gli impegni presi. Ma niente paura, questi impegni li riprendiamo, lo 0,7 del Pil entro il 2015, gli africani possono dormire sonni tranquilli. E intanto quest’anno l’Italia per organizzare il G8 aquilano spenderà 400 milioni di euro, più dell’intero bilancio stanziato nel 2009 per la lotta contro la povertà, ridotto dal governo a 321,8 miseri milioni. Tutto per un comunicato finale, tante promesse e una foto ricordo. E allora aboliamolo questo G8. O almeno giriamogli le spalle.

C’è di peggio

L’altra sera, davanti a un ottimo Spritz e a un Negroni, Pina mi chiedeva se, invece dei sette voti della Lega alle europee, non mi sembrassero più gravi e degni di essere commentati gli oltre duemila volti che l’UDC ha preso in paese, superando il 40 per cento dei voti. Non ci sono dubbi, l’UDC in Sicilia ha raccolto l’eredità più brutta del sistema di potere democristiano, fatto di clientelismi, spartizioni di potere, maggiorenti, galoppini e capibastone. Casini può darsi da fare quanto vuole per presentarsi in televisione come la quintessenza del moderatismo ma fino a quando si terrà stretta gente come questa, la sua credibilità politica da queste parti sarà prossima allo zero.

Sette voti

Io ho votato in un piccolo paese del sud profondo. Un paesino come ce ne sono tanti in Sicilia, circondato dagli aranceti, adagiato su di una collina da cui in lontananza si vede il mare. Un paesino che guarda l’Etna da sud.  Da quando ho memoria, i paesani hanno sempre votato democristiano, qualche volta hanno votato per il PCI, adesso votano in massa per l’UDC. Un paesino del meridione, normale, come ce ne sono tanti. Ma domenica, dalle urne europee, su poco più di cinquemila votanti sono venuti fuori sette voti per la Lega Nord. Sette voti. Dal profondo sud, sette voti per l’indipendenza della padania, per difendere gli interessi dei produttori di latte, per protestare contro l’africanizzazione delle belle città del nord, perché ognuno si tenga le proprie tasse, per protestare contro Garibaldi e i suoi mille. Fatto salvo qualche vecchietto che ha creduto di riconoscere nel simbolo del partito di Bossi un pupo siciliano, dico io, ma chi sono questi?

John McBeep

I vicini del piano di sopra, anche se a volte fanno un po’ di confusione, ci guardano con interesse. Vi avviso, allontanate i bambini dal computer, il video è forte, pieno di beep.

Por una cabeza

Alla fine la presidenta Cristina non ce l’ha fatta. Stanotte il Senato argentino ha bocciato l’aumento delle imposte sulle esportazioni dei prodotti agricoli. Per un solo voto, una cabeza, come dice il famoso tango. Per ironia della sorte, la cabeza decisiva è stata quella del vice di Cristina, Julio Cobos. E’ una sconfitta dura per Cristina, che negli ultimi quattro mesi ha puntato tutto il suo prestigio su questo progetto e adesso si ritrova a mettere insieme i cocci del suo governo. Ma, come nelle migliori tradizioni telenovelesche, forse non è finita qui.


MigraTwitter

agosto: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Per contattarmi

pippopisano@yahoo.com
Chi sta sveglio e chi dorme

Visitato

  • 71,268 volte

MigratorePics

Archivi

Add to Technorati Favorites
counter create hit