Archive for the 'Viaggi' Category

Un gioco da ragazzi

 E’ facile fare delle belle foto nella campagna toscana, anche una mezza schiappa può riuscirci.

IMG_7876

IMG_7820

 IMG_7878

Salta e Jujuy 2

Secondo round di foto (prometto che è l’ultimo) del viaggio a Salta e Jujuy. Facce, cose buone da mangiare e da bere e qualche curiosità.

Il brano musicale è Si tú me olvidas, dal cd Altiplano – Jaime Torres, Minino Garay, Magic Malik.

Il treno delle nuvole

La settimana scorsa ha ricominciato a funzionare il famoso Tren a las nubes. Si tratta di un treno turistico che parte dalla città di Salta (1200 metri slm) e attraverso ponti, viadotti, tunnel e zig zag si inerpica su su per le montagne per 230 chilometri fino ad arrivare a 4200 metri di altitudine. Quando a fine luglio sono passato da quelle parti ho fatto un escursione in macchina lungo la strada che in buona parte segue il percorso del treno. Dopo aver lasciato Salta si attraversa la Quebrada del Toro e si sale verso la Puna fino ad arrivare al minuscolo villaggio di Santa Rosa de Tastil in cui si trovano i resti di un insediamento preincaico.

Poi si continua a salire, l’aria comincia a rarefarsi, masticare qualche foglia di coca può aiutare a far fronte alla sensazione di mancanza di ossigeno. Ai bordi della strada l’acqua dei ruscelli si è ghiacciata durante la notte formando delle curiose sculture che brillano al sole.   

 

Dopo aver incrociato qualche pastore con il suo gregge di pecore e lama, si arriva alla cittadina di San Antonio de los Cobres e poco oltre c’è lo spettacolare Viaducto de la Polvorilla, punto clou del percorso del treno.

Era dal 2005 che il treno era bloccato, dopo che un incidente aveva costretto le autorità a sospendere la concessione e indire una nuova licitazione. La guida che ci accompagnava, Jesus, ci ha raccontato di quel giorno del 2005 in cui il treno rimase bloccato con 500 passeggeri a 4000 metri in un luogo praticamente inaccessibile.

Non c’erano piani di evacuazione adeguati per eventualità del genere e bisognò attendere l’intervento dell’esercito per portare in salvo tutti i passeggeri che dopo quasi 12 ore erano in preda al panico, alla fame e al freddo. Adesso il treno è dotato di sistemi moderni di sicurezza e sono stati presi degli accorgimenti per evitare incidenti come quello. Per i non residenti in Argentina il prezzo del biglietto è 140 dollari.

 

Aggiornamento 16/8: un trafiletto sul Clarín di oggi diceva che il treno aveva avuto problemi ai freni ed era dovuto rientrare in stazione a Salta subito dopo la partenza. No comment.

Salta e Jujuy

Sono tornato dalle mini vacanze nel nord ovest dell’Argentina. A grande richiesta ecco a voi una selezione di foto dei paesaggi e posti che ho visitato (se vi piacciono non è detto che non ci sia un seguito).




BubbleShare: Share photosPowered by BubbleShare

Isole, che passione!

stromboli.jpg

Per chi, come il sottoscritto, fosse affascinato dalle isole, segnalo questa classifica stilata dalla rivista National Geographic Traveler. Sono 111 isole e arcipelaghi valutati in base a criteri come la qualità dell’ambiente, le condizioni di edifici storici e siti archeologici, l’integrità sociale e culturale. In testa ci sono le Faer Oer, ben posizionate anche la Sardegna e la Sicilia. Buona posizione in classifica anche per Ilha Grande, vicino a Rio de Janeiro, una delle isole più belle che ho visto finora. Guardando la classifica, magari la prossima meta potrebbe essere Chiloé, chissà. Ho notato però un’assenza inspiegabile, l’arcipelago di Fernando de Noronha, descritto da amici che ci sono andati come un vero e proprio paradiso terrestre. A proposito di isole, un ricordo personale: una volta, molti anni fa, c’era una ragazza che voleva che andassimo a vivere insieme alle Faer Oer. Alla fine io non ci ho messo mai piede, alle Faer Oer; non so lei.

TechnoratiTechnorati: , ,

Su e giù per l’Italia

Su gentile richiesta di Laura, eccovi alcune foto del mio ultimo viaggio in Italia. Buona visione. 

BubbleShare: Share photosHere comes Halloween!

Qui si copia…

penisola-magnisi.jpg

Lungo la costa a nord di Siracusa si trova la Penisola Magnisi, fazzoletto di pietra calcarea legato alla terraferma (neanche tanto ferma, in questo caso) da uno stretto corridoio sabbioso. Nonostante sia circondata dagli insediamenti industriali del polo petrolchimico di Priolo, la penisola è un posto suggestivo, il mare ha un bel colore intenso e di fronte, oltre il Golfo di Catania, si domina una vista spettacolare dell’Etna. E’ un posto adatto per il birdwatching, vi passano molti migratori anche per la prossimità delle Saline di Priolo, riserva naturale gestita dalla Lipu. La penisola si trova in una posizione strategica e fin dall’antichità, probabilmente per il fatto di essere un sito facilmente difendibile da attacchi esterni, è stato oggetto di insediamenti umani. Sulla penisola si possono ancora vedere i resti della città di Thapsos, fondata intorno al XV secolo a. c. Inoltre, scavate della roccia, si possono anche ammirare delle piccole necropoli formate da tombe a forma di tholos, ossia a forma circolare precedute da un piccolo vestibolo. Nelle foto che vedete sopra, entrambe scattate sulla Penisola Magnisi, a sinistra vedete una tomba a tholos e, a destra, l’ingresso di un bunker sotterraneo, risalente alla seconda guerra mondiale, che serviva a difendere le installazioni militari della base di Augusta. Anche se non proprio copiato, un po’ di ispirazione ci sarà stata?

TechnoratiTechnorati: , , , , ,


MigraTwitter

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Per contattarmi

pippopisano@yahoo.com
Chi sta sveglio e chi dorme

Visitato

  • 71,188 volte

MigratorePics

Scicli Scicli

Grandi uomini

Cinema cinema

Do not disturb

Altre foto

Archivi

Add to Technorati Favorites
counter create hit