Archive for the 'Memoria' Category

24 marzo

desaparecidos2.jpg

MI BUENOS AIRES QUERIDO

di Juan Gelman, poeta e giornalista argentino (1930-)

Sentado al borde de una silla desfondada, 
mareado, enfermo, casi vivo, 
escribo versos previamente llorados 
por la ciudad donde nací.
Hay que atraparlos, también aquí 
nacieron hijos dulces míos 
que entre tanto castigo te endulzan bellamente. 
Hay que aprender a resistir.
Ni a irse ni a quedarse, 
a resistir, 
aunque es seguro 
que habrá más penas y olvido. 

Annunci

L’ultima predica di padre Greco

Da “La Catena di San Libero” di Riccardo Orioles – via Girodivite.

Do’ Vangelu secunnu Luca

Capitàu ’n sabutu ca Gesù ava trasutu na casa di unu de’ capi raisi de farisei ppi mangiari e a gente stava ddà a taliarlu. Virennu comu li ’nvitati s’affuddavunu a pigghiarisi i megghiu posti, ci stampau na lizioni:

“Quannu si ’mmitatu na ’n spunsaliziu da corcarunu, non t’assittari ’o primu postu, pirchì po’ capitari ca arriva unu cchiù ’mpurtanti di tia e chiddu ca v’invitau veni a diriti: susiti, ca ddocu s’assittari st’amicu me. Allura ti finisci d’assittariti all’ultimu postu, cu’ tantu di mala cumparsa. ’Nveci, quannu sì mmitatu, si t’assetti all’ultimu postu vinennu u patruni ’i casa ti dici: unni ti ’o mittisti. veni cchiù avanti. Accussì fai na bedda cumparsa davanti a tutti e ’mmitati. Pirchì cuegghiè si senti cacocciula, finisci murtificatu, e cu s’incala, agghiorna cchiù ’mpurtanti”. Poi ci rissi o patruni i casa: “Quannu ammiti qualcunu a mangiari ni tia, no ammitari i to’ amici, o i to frati, o i to’ parenti, e mancu genti ricca, picchì chissi si levunu l’obbligu ammitannuti macari iddi. O cuntrariu: quannu fai ’n fistinu, ammita puvireddi, storpi, zoppi e cechi, accussi si cuntentu di non aspittariti nenti di nuddu. ’gn’iornu appoi ricivi ’n ringraziamentu ranni quannu t’assetti cu tutti l’autri galantomini no’ jornu da risurrezioni”.

Si dici: Parola do Signuri.

Ritorno ad Auschwitz

auschwitz2-di-g-cappellotto.jpg

Nelle settimane scorse il mio amico Gianni è stato in viaggio per il nord Europa. Ha visitato anche Auschwitz; o meglio, come precisa lui stesso, vi è ritornato, visto che c’era già stato una quindicina di anni fa. Mi ha mandato queste sue impressioni. Anche le foto sono sue. Grazie.

Ero già stato ad Auschwitz, agli inizi degli anni novanta.
Il muro di Berlino era appena stato abbattuto e i paesi dell’est avevano appena cominciata la lunga marcia verso l’occidente. Turisti in giro per la Polonia, pochi. Ad Auschwitz ancora meno. Il tempo era grigio, e si addiceva molto alla mestizia del luogo. Ricordo che la cosa che mi ha impressionato di più è stata la sorpresa di intuire che pur nella barbarie, nella follia della degenerazione nazista, nella negazione totale di qualsiasi forma di umanità, c’è stato spazio per la vita. Che poi è continuata per i pochi che sono scampati, ma che doveva esserci nei piccoli gesti del quotidiano anche per chi non ce l’ha fatta.
Quest’anno sono tornato, c’era il sole, e soprattutto c’era molta gente. Da tutto il mondo, di tutte le età, in gruppi guidati o soli.
Per toccare con mano o per aggiungere una bandierina nella mappa del mondo conosciuto da esibire agli amici? Consapevoli o intruppati nei tour all-inclusive da consumare in fretta?
Li ho fotografati comunque.
Con la convinzione che al di là delle nostre intenzioni, la vita ci riserva sempre delle sorprese, a volte crudeli, a volte dolci, ma che ci aiutano a comprendere qualcosa di questo nostro dissennato e affascinante mondo.

auschwitz1-di-g-cappellotto.jpg


MigraTwitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Per contattarmi

pippopisano@yahoo.com
Chi sta sveglio e chi dorme

Visitato

  • 71,350 volte

MigratorePics

Archivi

Add to Technorati Favorites
counter create hit