Volare oh, oh…

Il migratore clandestino, si sa, viaggia. Per definizione. Per istinto. Non essendo munito d’ali proprie, però, si affida agli aeromobili dell’Alitalia. E così sorvola il Rio de La Plata, su su lungo la costa del Brasile, Rio, Salvador, Recife. E poi virata verso est a tagliare l’oceano, dritto verso la costa africana: Dakar, è la sensazione di essere quasi arrivato però mancano ancora un bel po’ di ore. Muso puntato verso nord, un paio d’ore di pisolino, e al risveglio sotto c’è Algeri, il Mediterraneo. L’alba sulla Sardegna e poi Roma. Il tempo per un caffè, un giornale, guardarsi un po’ attorno, cercare un motivo per cui il personale di bordo di Alitalia è sempre così maldisposto da sfiorare la sgarbataggine (motivo non trovato, ndr) e poi di nuovo in volo. Nella foschia si distingue il Vesuvio, Stromboli e infine l’Etna.

Qui ci sono trenta gradi, niente (e apro una parentesi) paragonata alla temperatura che ci dev’essere in queste ore nei palazzi della politica. Una situazione perfettamente sintetizzata dalla frase della vignetta di Altan sulla prima pagina della Repubblica di oggi “Basta con la demagogia: siamo perfettamente in grado di mandarci a fanculo da soli”. Chiusa parentesi.

Al pomeriggio un breve giro di riconoscimento del territorio. I vecchietti seduti sulle panchine a godersi gli ultimi scampoli d’estate, qualche incontro casuale, scoprire che la biblioteca comunale ha cambiato sede. Uno sguardo al cielo, in paese ci sono vari stormi di balestrucci e rondoni (qui sì che ci sono…) che si preparano per affrontare il viaggio verso l’Africa tutti insieme. E poi una grande sorpresa: in alto, molto in alto nel cielo, una classica formazione a “V” di una dozzina di quelle che devono essere delle gru (che altro potrebbero essere?). Direzione, manco a dirlo, sud. Eh sì, cambiano le stagioni, è tempo di migrare, da nord verso sud. O anche da sud verso nord. Che dire, buon viaggio e… beate voi che avete le ali.

Annunci

3 Responses to “Volare oh, oh…”


  1. 1 tanoka 21 settembre 2007 alle 8:34 pm

    Che bel post! Si vede che sei a casa, sereno.

  2. 2 ciuffoleo 24 settembre 2007 alle 6:39 am

    Ben arrivato!
    Adesso a nord del nord. Non ti ricordi dov’e’?
    Dove andavano le gru o i balestrucci? Ecco, dall’altra parte.

  3. 3 Francesco 27 settembre 2007 alle 1:21 pm

    Sempre bello tornare, anche per pochi giorni.
    Uno si gode le cose che aveva dimenticato, il caffè nella “sua” piazza, il giornale che racconta le beghe della “sua” città, gli incontri casuali con persone di cui a volte si ricorda a mala pena il volto (invecchiato) e nient’altro, e che ti guardano come se fossi un marziano…
    ci vediamo a la vuelta!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




MigraTwitter

settembre: 2007
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Per contattarmi

pippopisano@yahoo.com
Chi sta sveglio e chi dorme

Visitato

  • 71,338 volte

MigratorePics

Archivi

Add to Technorati Favorites
counter create hit

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: