L’ultima predica di padre Greco

Da “La Catena di San Libero” di Riccardo Orioles – via Girodivite.

Do’ Vangelu secunnu Luca

Capitàu ’n sabutu ca Gesù ava trasutu na casa di unu de’ capi raisi de farisei ppi mangiari e a gente stava ddà a taliarlu. Virennu comu li ’nvitati s’affuddavunu a pigghiarisi i megghiu posti, ci stampau na lizioni:

“Quannu si ’mmitatu na ’n spunsaliziu da corcarunu, non t’assittari ’o primu postu, pirchì po’ capitari ca arriva unu cchiù ’mpurtanti di tia e chiddu ca v’invitau veni a diriti: susiti, ca ddocu s’assittari st’amicu me. Allura ti finisci d’assittariti all’ultimu postu, cu’ tantu di mala cumparsa. ’Nveci, quannu sì mmitatu, si t’assetti all’ultimu postu vinennu u patruni ’i casa ti dici: unni ti ’o mittisti. veni cchiù avanti. Accussì fai na bedda cumparsa davanti a tutti e ’mmitati. Pirchì cuegghiè si senti cacocciula, finisci murtificatu, e cu s’incala, agghiorna cchiù ’mpurtanti”. Poi ci rissi o patruni i casa: “Quannu ammiti qualcunu a mangiari ni tia, no ammitari i to’ amici, o i to frati, o i to’ parenti, e mancu genti ricca, picchì chissi si levunu l’obbligu ammitannuti macari iddi. O cuntrariu: quannu fai ’n fistinu, ammita puvireddi, storpi, zoppi e cechi, accussi si cuntentu di non aspittariti nenti di nuddu. ’gn’iornu appoi ricivi ’n ringraziamentu ranni quannu t’assetti cu tutti l’autri galantomini no’ jornu da risurrezioni”.

Si dici: Parola do Signuri.

Annunci

3 Responses to “L’ultima predica di padre Greco”


  1. 1 Francesco 21 novembre 2007 alle 11:24 am

    tradurre por favor! se non all’italiano almeno al porteño, che!

  2. 2 Patri 22 novembre 2007 alle 1:19 pm

    provo io a tradurtela anche se per alcuni vocaboli mi trovo in difficoltà perchè da buona milanese non li conosco.

    Dal Vangelo II Luca
    Capitò in un sabato che Gesu fu invitato
    in uno dei capi dei farisei per mangiare
    e la gente stava la ad ascoltarlo.
    Vennero come fossero invitati e s’affrettarono a pigliarsi i posti migliori così ne scaturi una lezione:
    Quando sei invitato a uno sposalizio da qualcuno non ti sedere al primo posto, perchè poi capita che arrivi quello più importante di te e quello che ti ha invitato vieni dirti: spostati che deve sederti l’amico mio. Allora tu finisci per sederti all’ultimo posto dopo aver fatto una figuraccia. Invece quando ti invitano, tu siaediti all’ultimo posto che viene il padrone di casa e ti dice: dove ti sei messo vieni qui davanti. e così fai una bella figura davanti a tutti gli invitati. perchè quello che si sente importante finisce mortificato e quello che si nasconde finisce tra i più importanti.Poi ci dissi al padrone di casa: quando inviti qualcuno a mangiare da te non invitare i tuoi amici i tuoi preti i parenti e nemmeno la gente ricca perchè questi ti mettono in obbligo di invitarli.
    Quando fai un festino, invita i poveri gli storpi, zoppi e ciechi così si accontentano e non si aspettano niente da nessuno e ogni giorno poi ricevi un ringraziamento tranne quando ti siedi con gli altri galantuomini il giorno della resurrezione

  3. 3 il migratore clandestino 22 novembre 2007 alle 10:34 pm

    Vedi, Francesco, si trova sempre una buona samaritana disposta ad aiutare. Grazie Patrizia per l’aiuto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




MigraTwitter

novembre: 2007
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Per contattarmi

pippopisano@yahoo.com
Chi sta sveglio e chi dorme

Visitato

  • 71,337 volte

MigratorePics

Archivi

Add to Technorati Favorites
counter create hit

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: