La svista di Dumas

Rue Bonaparte

Qualche mese fa, a Parigi, quando sono passato per la  piazza Saint-Sulpice non mi ero reso conto di trovarmi al centro della scena letteraria in cui Alessandro Dumas aveva ambientato la storia dei suoi tre moschettieri (il Codice Da Vinci è arrivato molto dopo). L’ho scoperto solo in seguito leggendo una precisa e dettagliata ricostruzione che fa Umberto Eco nel suo libro Sei passeggiate nei boschi narrativi (Tascabili Bompiani, 2005).

Tutti i protagonisti del romanzo di Dumas abitavano attorno a Saint-Sulpice, nel raggio di pochi isolati: d’Artagnan in Rue de Fossoyeurs, Porthos in Rue du Vieux Colombier e Athos in Rue Férou. Un momento, e Aramis? Qui la storia si complica. Secondo Dumas, infatti, Aramis abitava su un angolo della Rue Servandoni. Nel libro di Eco possiamo leggere una minuziosa e interessante ricostruzione toponomastica (con tanto di mappa) della Parigi del 1625, epoca in cui si svolge la vicenda dei moschettieri: scopriamo così che alcune strade hanno conservato lo stesso nome di allora, alcune l’hanno cambiato, alcune semplicemente non esistevano. O, almeno, non potevano esistere con quel nome. Parliamo proprio dell’attuale Rue Servandoni: nel 1625 non poteva chiamarsi così per il semplice fatto che l’architetto fiorentino Giovanni Niccolò Servandoni è nato nel 1695, nel 1733 ha disegnato la facciata della chiesa di Saint-Sulpice e quella via gli è stata dedicata solamente nel 1806. Se tutto questo non fosse sufficiente e se abbiamo ancora voglia di approfondire il tema, Eco ci dà il colpo di grazia quando, in base alle indicazioni sugli spostamenti dei personaggi della vicenda, arriva alla conclusione che la Rue Servandoni doveva essere la stessa che a quel tempo si chiamava Rue de Fossoyeurs. Insomma, d’Artagnan e Aramis abitavano nella stessa via, senza saperlo.

Umberto Eco scrive nel suo libro di essersi divertito a giocare il ruolo del lettore paranoico e a controllare se la Parigi del XVII secolo corrispondesse o meno a quella descritta da Dumas. Io devo dire che mi sono divertito a leggerlo. Sarebbe ancora più divertente tornare a verificare il tutto di persona.

Annunci

0 Responses to “La svista di Dumas”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




MigraTwitter

luglio: 2007
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Per contattarmi

pippopisano@yahoo.com
Chi sta sveglio e chi dorme

Visitato

  • 71,217 volte

MigratorePics

Archivi

Add to Technorati Favorites
counter create hit

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: